NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Rassegna Stampa

31 gennaio 2018

Inaugurazione dell’anno accademico 2017/2018 del Conservatorio di Udine sabato prossimo al Teatro Nuovo “Giovanni da Udine”

Evento istituzionale e culturale di maggior prestigio nel percorso didattico e di produzione artistica annuale del Conservatorio di Musica “J. Tomadini” di Udine, il concerto d’inaugurazione del nuovo anno accademico avrà luogo sabato 3 febbraio alle ore 18.00 al Teatro Nuovo “Giovanni da Udine”. Appuntamento quest’anno particolarmento atteso e dai contorni progettuali improntati a decisa innovazione, il concerto dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Udine diretta da Alfredo Barchi rappresenta il primo frutto offerto al pubblico dell’attività musicale scaturita dal recente insediamento alla carica di direttore del maestro Virginio Zoccatelli, didatta, compositore e direttore d’orchestra.
Il maestro Zoccatelli presenterà, preceduta dal saluto del presidente del conservatorio, prof. avv. Ludovico A. Mazzarolli e delle autorità convenute, la sua prima relazione introduttiva incentrata sulla situazione attuale del “Tomadini” e sulle prossime intenzioni progettuali e programmatiche nei settori della didattica, della produzione e della ricerca, illustrando altresì le valenze pedagogiche e creative del programma sinfonico ideato per l’occasione, volto, all’insegna della celebrazione degli anniversari della scomparsa di Gioachino Rossini e Claude Debussy, ad affrontare e coniugare stilemi compositivi del grande repertorio rivissuti nelle loro potenzialità jazzistiche, orchestrazioni di importanti pagine di Rossini e Debussy, eco neoclassica di una prassi che dal secondo Ottocento ha caratterizzato una parte rilevante del pensiero orchestrale novecentesco e, infine, musica originale ideata in omaggio al genio rossiniano a partire dallo sviluppo della tecnica della variazione, al fine di unire creatività e sapienza accademica.
Arabella o Tarantesque?, esplorazione improvvisativa per sassofono e pianoforte offerta dai docenti di Musica Jazz e concertisti Alfonso Deidda e Glauco Venier, costituirà il coinvolgente preludio all’ingresso dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Udine, diretta dal maestro Alfredo Barchi e formata da oltre sessanta elementi, tra studenti e una significativa presenza di insegnanti di strumenti a fiato, ad arco, arpa e fisarmonica; alle orchestrazioni degli studenti di Composizione Andrea Alzetta e Maria Beatrice Orlando, redatte sugli originali pianstici debussyani Golliwog’s Cake Walk e Clair de lune, seguiranno tre composizioni in prima esecuzione assoluta ideate per la significativa circostanza da altrettanti docenti e compositori: Accumulo VIII op. 49 n. 8 di Giovanni Albini, Rocksiniana (1. Alta cima rocciosa, 2. Crescendo) di Renato Miani e infine Giovacchino Party di Mario Pagotto. La festosa conclusione dell’evento sarà affidata a Tarantella di Rossini nell’orchestrazione di Daniele Zanettovich, compositore di fama mondiale e per molti decenni apprezzato docente di composizione al “Tomadini”.
Il concerto è inserito nel cartellone di gennaio dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Fondazione Friuli.
I biglietti d’ingresso sono disponibili gratuitamente presso il Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” negli orari di biglietteria.