Cerca un docente:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Elenco docenti

Scaramella Andrea

Violino
image

Nato a Vicenza, ha studiato presso il Conservatorio della sua città con Sonig Tchakerian ed Enrico Balboni, diplomandosi brillantemente in Violino nel 1990 e in Viola nel 1992 e contemporaneamente conseguendo la Maturità Scientifica.
Si è quindi perfezionato dal 1990 al 1993 con Corrado Romano presso l’Accademia “L. Perosi” di Biella, conseguendo il Diploma Accademico Internazionale. Ha contemporaneamente frequentato i corsi estivi tenuti da Franco Gulli a Riva del Garda. Dal 1993 al 1998 ha studiato con Pavel Vernikov, Zinahida Gilels, Iljia Grubert, Matis Waitsner e Igor Volochine presso la Fondazione “S. Cecilia” di Portogruaro.
Ha conseguito nel 2005, primo violinista in Italia, il Diploma Accademico di Secondo Livello di Violino ad indirizzo solistico, con il massimo dei voti, lode e menzione sotto la guida di Marco Rogliano presso il Conservatorio “Venezze” di Rovigo.
Ha partecipato a numerosi concorsi e rassegne, classificandosi sempre ai primi posti (1° assoluto al XVII Concorso Internazionale “Città di Stresa” ed altri). Ha inoltre ottenuto l’idoneità al Concorso Nazionale per l’insegnamento nei Conservatori dello Stato per la cattedra di Violino.
E’ stato selezionato nel 1992 quale effettivo per l’Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi”, direttore Wladimir Delman.
Già membro di concertino dell'Orchestra del Teatro Olimpico dal 1991 al 2006, dallo stesso anno collabora con l'Orchestra Regionale Filarmonia Veneta. Ha inoltre collaborato con l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna “Arturo Toscanini” dal 1998 al 2004, partecipando al debutto, al 64° Festival de Musique di Strasburgo, della Nuova Filarmonica “Arturo Toscanini” sotto la direzione di Lorin Maazel.
Come solista ha debuttato a Venezia, eseguendo il Primo Concerto per Violino di Bruch con l’Orchestra Sinfonica di Plovdiv (Bulgaria), alla guida del M° F. Milone. Come Violino Principale dell’Orchestra da Camera “Città di Thiene” ha collaborato in qualità di maestro concertatore con importanti artisti quali Richard Galliano, Lee Konitz, Paolo Fresu, Andrea Bacchetti, Gianpaolo Bisanti, e registrato un CD con musiche del compositore thienese Lorenzo Signorini per la Rainbow Classic.
Nel 2004 si è esibito come solista anche con il violino barocco e la viola d’amore, eseguendo con quest’ultima in prima assoluta al Festival Internazionale di Osor (Croazia), tra l’altro, il Movimento per viola d’amore ed archi di Mroslav Miletic, alla presenza dell’autore.
Inoltre collabora in qualità di solista con I Musici Veneziani nell'esecuzione de “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi.
Come camerista svolge un'intensa attività in varie formazioni, in particolare in trio con il pianista Giuseppe Zuccon Ghiotto ed il violoncellista Maurizio Galvanelli, ed in duo con il violista Andrea Maini.
E’ stato docente di violino presso l’Istituto Musicale Veneto “Città di Thiene”dal 1995 fino al 2010.
Titolare, per concorso, dal 2006 della cattedra di violino presso il Conservatorio “G. da Venosa”di Potenza, è dal 2009 docente di violino al Conservatorio “J. Tomadini” di Udine.
Suona un violino costruito da Giulio Degani a Venezia nel 1911.

Scopel Luigi

Organo complementare e canto gregoriano

Somadossi Marco

Strumentazione per Banda
image

Marco Somadossi nasce a Rovereto nel 1968. Compie gli studi musicali presso il Conservatorio F. A. Bonporti di Trento diplomandosi in Trombone, in Strumentazione per Banda e laureandosi in Direzione e Composizione per banda con il massimo dei voti e la lode. Ha approfondito lo studio della composizione con Stephen Meililo (Usa) e James Barnes (Usa), quello della direzione con Jan Cober (NL), Felix Hauswirth (CH) e altri docenti. Dopo un’intensa attività artistica come strumentista (Orchestra Giovanile Italiana, Youth Symphonic Band of the European Communities, Junge Schweizer Philarmonie, Pomeriggi musicali di Milano, Cameristi di Verona, Accademia Filarmonica Trentina, APM Brass Ensemble, En Chamade, Sudtiroler Blaserensemble, Symphonic Winds e molti altri) si è dedicato alla composizione e alla direzione. La sua attività di musicista l’ha portato a lavorare in tutta Europa (Austria, Svizzera, Germania, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Ungheria, Lettonia, Bielorussia, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Francia, Spagna, Armenia, Georgia) e USA (Stanford University, California) evidenziandosi in modo particolare per le sue composizioni molte delle quali risultate vincitrici in concorsi internazionali. Attivo sia nella produzione di musica originale per banda, che nella stesura di arrangiamenti per strumenti a fiato e percussioni, si è particolarmente distinto per progetti, produzioni e pubblicazioni che lo hanno visto a fianco dei più importanti musicisti italiani (solisti della Scala, del teatro Verdi di Trieste, Giovanni Sollima, Andrea Noferini (vlc), Francesco d’Orazio, Luca Fanfoni, Roberto Noferini (vl.), Enrico Maria Baroni, Fabrizio Meloni (cl.), Giampaolo Pretto (fl), Marco Pierobon (trp), Giulio Tampalini (ch.), Davide Cabassi, Luca Trabucco, Luca Ballerini (pf) ecc..). Fra questi spiccano le realizzazioni discografiche per la più importante rivista musicale italiana, “Amadeus”, le registrazioni di musica didattica con una banda giovanile per Scomegna Ed. Musicali, i 9 CD registrati come direttore, i progetti per eventi (Suoni delle Dolomiti, Festival Musica Sacra, Simposio Internazionale di Scultura, Centenario Grande Guerra, Variegato, Festival Musica Riva, Terra Comunica), le collaborazioni con i cantanti pop Goran Bregovic, Tosca e Antonella Ruggero, con il musicista jazz Paolo Fresu e con artisti del teatro e della letteratura quali Mario Perrotta, Paolo Rumiz, Gianmaria Aliverta, Paola Roscioli e il trio “Le capinere”. Sue composizioni sono state brano d’obbligo nei più importanti concorsi d’esecuzione europei e nazionali e sono state eseguite in tutta Europa, America, Africa ed Asia. E’ spesso invitato come direttore ospite ad importanti festival in Italia e all’estero, come giurato in concorsi, sia di esecuzione che di composizione, nonché come docente di stage o corsi di direzione. E’ docente della cattedra di Composizione e Strumentazione per Orchestra di Fiati al Conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine. Dal 2004 è docente del corso triennale di formazione per maestri di banda Anbima FVG. Dal 1993 al 1997 ha diretto il corpo musicale “M. Mascagni” di Bolzano e dal 1997 al 2017 il Corpo Bandistico di Albiano (TN). E’ stato direttore della “Euregio Jugendblasorchester”, della Banda Rappresentativa della Federazione dei Corpi Bandistici del Trentino, dell’Orchestra Giovanile di fiati del Lazio, della banda FEBACO e della banda giovanile dell’Umbria. Ha diretto il wind ensemble dell’Università di Riga (Latvia), la Stanford Wind ensemble (USA), la banda ANBIMA Verbania-Cusio-Ossola, la Società Filarmonica Novese (MO), Banda Sinfónica Conservatorio Superior de Música “Andrés de Vandelvira”de Jaén (E), l’orchestra di fiati Tirrenium (RC), l’orchestra di fiati del Cilento (SA), Pihalni Orkester Izola (SLO), Taubertalerblaserochester (D). E’ direttore artistico (dal 2005) del “Campus Musica Insieme” e direttore della Banda Giovanile Anbima Friuli Venezia Giulia. E’ direttore dell’orchestra di fiati del Conservatorio di Udine. E’ direttore artistico del Concorso Internazionale Flicorno d’oro di Riva del Garda e del Concorso Internazionale di Composizione “Città di Allumiere”(Roma). La sua musica è edita da Scomegna Edizioni Musicali (TO).

Marco Somadossi ha fatto musica con moltissimi fantastici musicisti delle bande, degli ensembles, delle orchestre che ha diretto ma anche con:

Chiara Luppi, Antonella Ruggiero, Tosca, Goran Bregovic, Paolo Fresutromba, Giovanni Sollima, violoncello , Andrea Noferini, primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Opera di Roma, Enrico Maria Baroni, primo clarinetto dell’Orchestra Sinfonica della Rai di Torino , Simonide Braconi, prima viola dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano, Davide Cabassi, pianoforte (premio Van Cliburn), Andrea Tofanelli, tromba, Giuseppe Cacciola, primo percussionista dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano, Federico Caldara, clavicembalo (premio European Music Competition), Francesco d’Orazio violino (XXIX premio Abbiati), Fabrizio Meloni, primo clarinetto dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano, Massimo Polidori, primo violoncello dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano, Ruggero Mascellino fisarmonicista-compositore, docente Conservatorio di Palermo, Giampaolo Pretto primo flauto dell’orchestra Sinfonica della Rai di Torino, Francesco Siragusa primo contrabbasso dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano, Giulio Tampalini chitarra (premio Narciso Yepes e Andrès Segovia), Gino Zambelli, bandoneon , Luca Ballerini pianoforte, Azusa Kinashi (J) soprano, Walter Franceschini baritono, Luca Fanfoni violino, docente Conservatorio Parma, Roberto Noferini violino, docente Conservatorio Matera, Marco Pierobon tromba, docente Conservatorio Bolzano , Pepè Fiore, percussioni, Marianna Prizzon, soprano, Diego Cavazzin, tenore, Domenico Balzani, baritono, Domenico Lazzaroni trombone, primo trombone Orchestra Teatro Lirico “G.Verdi” – Trieste, Luca Trabucco, pianoforte, Nicola Bulfone, clarinetto, Carlo Beltrami, tromba, tromba di fila Orchestra Teatro Lirico “G.Verdi” – Trieste, Mario Perrotta, attore/regista, Paola Roscioli, attrice, Maria Letizia Beneduce, violino, Giancarlo Cesaroni, trombone, primo trombone banda dei Carabinieri, Sara Cresta, soprano, Fabiola Battaglini, percussioni, Izabella Manusajyan (GE)soprano, Tina Gabeskiria (GE), violino, Lidia Fridman (RUS), soprano, Elene Nikoleishvili (GE), pianoforte, Marina Shakhdinarova (GE), soprano, Irina Manusajevi (GE), soprano, Gayane Aslanyan (ARM)pianoforte,Kamilla Karginova (RUS)soprano, Areg Navasardyan (ARM)violino, Arpnine Aghjioyan (ARM)soprano, Heghine Kachatryan (ARM)soprano, Lusine Steparyan (ARM)soprano, Simone Vebberorgan

ha collaborato con: Ito Yashuidecompositore, Raffaele Cacciola compositore, Gianni Vallino e Cinzia “Cix” Rosa , Sandro Filippi compositore, direttore di coro, Marco Betta compositore, Ruggero Laganà clavicembalo, compositore, Giovanni Grosskopf compositore, Renato Miani compositore, Mario Pagotto compositore, Luciano Feliciani compositore, Stefano Gatta direttore della Banda Militare della Repubblica di San Marino, Andrè Waignein (B) compositore-direttore, Stephen Melillo (USA) compositore-direttore, Walther Ratzek (D) direttore del Musikkorps der Bundeswehr , Thomas Doss (A) compositore-direttore, Daniele Carnevali compositore-direttore, docente Conservatorio Trento, Lorenzo Pusceddu compositore-direttore, Marco Tamanini compositore-direttore, docente Conservatorio Trento, Jo Conjaerts (B) direttore, docente Conservatorio di Maastricht, Angelo Depaola compositore, direttore, docente Conservatorio di Cosenza, Michele Netti direttore, compositore, Gaetano Pisano direttore, Maurizio Managò direttore, Fulvio Creux direttore della Banda dell’Esercito Italiano, Otto Schwarz (A) compositore, Philippe Langlet (F) tromba, direttore, Alain Crepin (B) compositore, direttore della Royal Band of Belgian Air Force, docente Conservatorio di Bruxelles , Hardy Mertens (NL) compositore, direttore, docente Conservatorio Tilburg, Gottfried Veit compositore, Francisco Grau Vegara (E) compositore, direttore della Banda della Guardia Reale Spagnola,, Donald Furlano compositore, Enea Tonetti direttore Fiati Insieme di Torino, Giancarlo Gazzani compositore, direttore Rai di Roma, docente Conservatorio Torino, Jacob de Haan (NL) compositore , Miro Saje (SLO) direttore, Miguel Etchegoncelay (ARG) direttore, Fried Dobbelstein (NL) direttore, Janis Purins (LV) direttore, Giovanni Bruni compositore/direttore, Armando Saldarini direttore, Josè Rafael Pascual Vilaplana (E), direttore, Mario Gagliani, compositore/direttore, docente Conservatorio di Perugia, Guido L. Gavilàn, compositore, docente Università Avana (Cuba), Teresa Procaccini, compositrice, docente Conservatorio S.Cecilia Roma, Bert Appermont(B) compositore, Norbert Nozy (B), direttore, Paolo Mazza, direttore, Vincent Kennedy (IRL), compositore, Marco Pütz (LUX), compositore, Michele Mangani, compositore, Alex Schillings (NL), direttore, Josè Alcacer Dura (E), direttore, Joseph Martinez (E), compositore, Kevin Houben (B), compositore/direttore, Leonardo Laserra Ingrosso, direttore della banda della Guardia di Finanza, Walter Rescheneder (A), direttore, Isabelle Ruf-Weber (CH), direttore, Geir Ulseth (N), direttore, 

 

Tassini Patrizia

Arpa
image

Si è diplomata a pieni voti e lode presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste sotto la guida di Evelina Vio. Successivamente si è perfezionata in Francia al Conservatoire National Supérieur de Lion, in Italia e negli USA dove ha ottenuto il Master Degree in Performance and Literature ed il Performance Certificate presso l’Eastman School of Music,University of Rochester (N.Y.).

Vincitrice di vari concorsi nazionali ed internazionali, nel 1982 ha ottenuto il II premio al prestigioso Concorso in Israele. Nel 1984 ha vinto il Concerto Competition “Lily Laskine” negli USA.

Vasta è la produzione radiofonica per la RAI e Radio France.

Collabora con i flautisti Giorgio Marcossi, Massimo Mercelli, Maxence Larrieu e con le orchestre:I solisti di Salisburgo, la Kammerorchester di Mainz e l’orchestra della Radio e Televisione Serba.

Ha fatto parte della giuria del Concorso Internazionale d’Israele , del Concorso “Martine Geliot” di Lille e del Prix al Conservatoire National Supérieur di Parigi. Dal 2002 risulta nel Board of Directors del World Harp Congress.

Attualmente è titolare di cattedra d’arpa presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine.

Tauri Claudia

Teoria, ritmica e percezione musicale

Teodoro Carlo

Musica da Camera, Violoncello
image

CARLO TEODORO VIOLONCELLISTA nato a Venezia, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio della sua città nella classe di Adriano Vendramelli, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode.

Successivamente si è perfezionato con Michael Flaksman conseguendo prima il diploma superiore in violoncello (Aufbaustudium I) presso l’Hochschule di Stoccarda e in seguito il Konzertexamen (AufbaustudiumII) presso l’Hochschule di Mannheim.

Ha seguito inoltre i Master Class di Rocco Filippini, Natalia Gutman e Daniel Schafran.

Per la Musica da Camera si è diplomato al corso biennale di alto perfezionamento tenuto dal Trio di Trieste presso la Scuola Superiore di Musica da Camera del Collegio del Mondo Unito di Duino TS.

È stato primo violoncello dell’Orchestra del Teatro Comunale di Treviso e dell’Orchestra Filarmonica di Udine ed ha ottenuto l’idoneità per lo stesso ruolo partecipando ai concorsi internazionali indetti dai Teatri La Fenice di Venezia e Verdi di Trieste.

Ha collaborato inoltre con prestigiosi complessi cameristici tra cui I Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone, I Solisti Filarmonici Italiani, l’Orchestra della Radio della Svizzera Italiana.

Attualmente in Trio con il violinista Stefano Zanchetta ed il pianista Massimo Somenzi.

Violoncellista dell’Ex Novo Ensemble di Venezia svolge un’intensa attività concertistica esibendosi nell’ambito di prestigiose rassegne concertistiche e Festivals in tutto il mondo tra cui: Festival di Huddersfield, Autunno Musicale di Varsavia, Tage für neue Musik Zürich, Fondazione Gaudeamus - Amsterdam, Festival d’Avignon, Ars Musica di Bruxelles, La Biennale di Venezia, Settembre Musica Torino, Festival di Salisburgo, Settimane musicali di Stresa, Großer Musikvereinsaal di Vienna, Opera di Montecarlo, Seoul Arts Center, Avery Fisher Hall (Lincoln Center di New York, sala concerti Conservatorio di Mosca, Dresdner Musikfestespiele, Akademie der Künste Berlino, Teatro Colon di Buenos Aires, Tokyo Opera city Takemitsu Memorial, Sapporo Concert Hall Kjtara, Osaka Izumi Hall.

Nel 2005 il compositore Luca Mosca gli ha dedicato la sua IV Sinfonia Concertante per violoncello contrabbasso e archi nella recensione della prima esecuzione assoluta il critico Mario Messinis ha scritto: …. L’esecuzione è inappuntabile, Andrea Pestalozza entra nei meandri del comporre di Mosca e l’orchestra lo segue con precisa incisività. Superlativo il violoncellista Carlo Teodoro negli intricati decorsi strumentali: la musica contemporanea esige quell’impegno di concentrazione e quello studio rigoroso riscontrati l’altra sera. Questa partitura ancor fresca d’inchiostro ha suscitato caldissimi consensi: merito della qualità comunicativa dell’opera e dell’esecuzione. Mario Messinis il Gazzettino 20 dicembre 2005

È stato premiato in vari concorsi internazionali di Musica da Camera tra cui Trapani, Stresa, Casale Monferrato.

Ha registrato per le principali radio europee e inciso la prima registrazione mondiale di: Kleine Suite für Cello e Klavier op.23 di Ferruccio Busoni (CD Dynamic), del Largo in sol min. di Gaetano Donizetti (CD Giulia), ha inoltre inciso importanti composizioni dell’Ottocento strumentale italiano come Une Larme, Thème et Variations per violoncello e pianoforte di G. Rossini (CD Arts) e la Romanza op. 23 per violoncello e pianoforte di Giovanni Sgambati (CD ASV) altre produzioni di Musica da Camera sono state curate per case discografiche come Ricordi (monografico di G. F. Malipiero), Rivo Alto (Gran Quintetto per archi di G. Bottesini, sonate a quattro di G. Rossini) AS disc (Kammersymphonie op. 9 di A. Schönberg versione per quintetto di A. Webern), Stradivarius (Trio di I. Pizzetti, Serenata di A. Casella Quartetto per archi di B. Maderna), Giulia, Dynamic (Quintetti per pianoforte e Archi di G. Martucci, E. Wolf Ferrari, O. Respighi, F. Busoni), ASV (integrale musica da camera per archi e pianoforte di G. Sgambati e quartetto per archi di N. Rota, Trio Sonata di A. Casella), Edipan, Velut-Luna e Denon, di prossima uscita la Sequenza XIV per violoncello solo di L. Berio (Black Box di ASV).

Attualmente è docente di Musica da Camera e violoncello nel Biennio Superiore Specialistico presso il Conservatorio J. Tomadini di Udine.

Teodoro Davide

Clarinetto
image

DAVIDE TEODORO, clarinettista. Diploma a Venezia con Giovanni Bacchi. Perfezionamento per la musica da camera con il Trio di Trieste. Premiato nei Concorsi Internazionali di Musica da Camera di Trapani, Caltanissetta, Stresa. È attualmente docente di clarinetto al Conservatorio di Udine.

Ha collaborato con prestigiosi direttori quali: Diego Masson e Ed Spanjaard.

Ha registrato numerosi lavori per le principali radio europee (Lachenmann: Dal niente, Radio Belga RBFT; Bettinelli: Studio da concerto, Radiotre RAI; Donatoni Spice BBC ecc.) e inciso la prima registrazione mondiale del Solo Dramatique e della Suite per clarinetto e pianoforte di Busoni (CD Dynamic). Ha inoltre inciso importanti composizioni dell’Ottocento strumentale italiano come la Fantasia per clarinetto e pianoforte di Rossini (CD Arts) e lo Studio per clarinetto solo di Donizetti (CD Giulia) e infine per l’etichetta inglese “black box” la Sequenza IX e il Lied per clarinetto solo di Luciano Berio. Altre importanti produzioni sono state incise per Ricordi, Stradivarius, ASV Records, Edipan, ASdisc, Velut Luna.

È uno dei fondatori dell’Ex Novo Ensemble, gruppo cameristico con il quale dal 1979 svolge un’intensa attività concertistica nei principali Festival europei. Tra questi ricordiamo: Contemporary music Festival, Huddersfield-Gran Bretagna; Time of Music, Viitasaari-Finlandia; Festival de Strasbourg; Eco e Narciso, Bologna; Concerts Ville de Genève; Tage für neue Musik, Zürich; Biennale di Venezia; RomaEuropa, Villa Medici; Autunno di Varsavia; Akademie der Künste, Berlin; Fondazione Gaudeamus, Amsterdam; Musica nel nostro tempo, Milano; Festival d’Avignon; Ars Musica, Bruxelles; Auditorium Nacional, Madrid; IGNM, Basel; Le Presents musical, Orleans; Festival Pontino; Di Nuovo Musica, Reggio Emilia; Festival delle Nazioni, Città di Castello; Festival di musica sacra Anima Mundi, Pisa; Accademia Filarmonica Romana; Settembre Musica, Torino; Aujourd’hui Musique, Perpignan; Festival “Gustav Mahler”, Dobbiaco; e alle stagioni dei Münchener Philarmoniker, del Mozarteum Salzburg, dei Concerti al Quirinale di Radio3, della Società Veneziana di Concerti, del Teatro San Carlo di Napoli, del Teatro Politeama di Palermo, del Teatro Verdi di Trieste, della Sociedad Filarmonica di Valencia, della RAI di Roma e di Milano, della Kaufmann Concert Hall di New York e del Chicago Center of Arts.

Themel Walter

Teoria dell'armonia e analisi
image

Walter Themel si è diplomato in Composizione con il Maestro Daniele Zanettovich, Organo e Composizione organistica, Musica corale e Direzione di coro, ai Conservatori di Udine e Venezia. Si è perfezionato in Direzione d'Orchestra con i Maestri Franco Ferrara all'Accademia Chigiana di Siena con l'Orchestra di Stato della Bulgaria e con Sergiu Celibidache a Monaco di Baviera, Mainz e nel Festival Musicale dello Schleswig-Holstein.

Attività di Direzione d'Orchestra. Ha iniziato l'attività di Direttore d'Orchestra nel 1980 con oltre 400 concerti di musica sinfonica, corale e sinfonico-corale nei principali centri del Friuli Venezia Giulia. E’ stato chiamato come direttore ospite nelle stagioni concertistiche dell'Ente Autonomo Teatro Comunale "G. Verdi" di Trieste.

Ha diretto numerose formazioni sinfoniche e cameristiche nazionali, tra le quali il Gruppo strumentale "Camerata Casella" di Torino, il "Diapason Ensemble", l'Orchestra Sinfonica "Jacopo Tomadini" di Udine, l'Orchestra Filarmonica di Udine, l'Orchestra “Latina Philarmonia”, l'Orchestra Sinfonica di Lecce, l'Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia, l’Orchestra “Filarmonia Veneta”di Treviso, l'Orchestra Sinfonica “Città di Pordenone”, l’Orchestra “Milano Classica”, l’Orchestra da Camera Fiorentina, l’Orchestra Sinfonica dell’Università di Guanajuato (Messico), l’Orchestra Sinfonica Siciliana (EAOSS), l’Orchestra da Camera di Tenerife, l’Orchestra Sinfonica di Adana (Turchia),l''Orchestra Sinfonica dell'Accademia Esproarte in Portogallo, la “Vogtland Philarmonie” in Germania.

Nel settembre 2007 è stato chiamato a dirigere l'Orchestra ed il Coro dell'Opera di Stato di Tirana (Albania) nel Concerto per la Pace in onore di Madre Teresa di Calcutta con la Sinfonia No. 9 di Beethoven. Nel 2007 e nel 2008 ha diretto “l'Orchestra Sinfonica Nacional” dell'Avana (Cuba) e l'Orchestra Sinfonica di Asunción (Paraguay). Nel 2009 ha diretto a Medea il l'Orchestra ed il Coro del Teatro nazionale Serbo di Novi Sad in un concerto lirico sinfonico chiamato “Concerto per la Pace”. Nel novembre del 2010 ha diretto l'Orchestra Sinfonica dell'EAFIT di Medellin (Colombia) e nel febbraio 2012 la Orquesta Sinfonica de Oriente di Santiago de Cuba.

Nel luglio del 2012 ha aperto il Festival Internazionale Mittelfest di Cividale del Friuli con un concerto sinfonico-jazz con la partecipazione, tra gli altri, della cantante inglese Norma Winstone, su musiche di Glauco Venier e strumentazione di Michele Corcella. Da questo concerto è stato edito un DVD-CD.

Nel settembre 2013 ha tenuto a Holguín (Cuba) una Classe Magistrale sull’interpretazione verdiana e il 9 ottobre seguente ha diretto il grande concerto lirico organizzato dall’Ambasciata italiana a Cuba e dal Ministero della Cultura cubano in omaggio a Giuseppe Verdi per il suo bicentenario della nascita. Questo concerto ha vinto il premio come migliore concerto del 2014 da parte della Critica e del Pubblico. Ha messo in scena, sempre a Holguín nel luglio 2014 "Cavalleria Rusticana" con la regia di Andreas Baessler, e successivamente è stato nominato direttore invitato permanente da parte della stessa orchestra. Nel novembre 2014 ha partecipato, invitato dall'Ambasciata Italiana a Cuba, all'apertura e alla chiusura della settimana della Cultura italiana, chiusura che si è svolta all'Avana al Teatro Martí con un concerto-omaggio a Claudio Abbado con l'Orquesta Sinfónica Nacional de Cuba. Recentemente, nel novembre 2015, ha diretto l'Orchestra Sinfonica Siciliana al Politeama di Palermo con due concerti dedicati a compositori russi di fine '800, inizi '900.

Ha collaborato tra gli altri con solisti come Jorg Demus, l'Hilliard Ensemble, Franco Gulli, Francesco Manara, Lucio Degani, Roberto Fabbriciani, Rocco Filippini, Danilo Rossi, Luca Vignali, Simone Pedroni.

Ha partecipato in qualità di direttore d'orchestra alle edizioni del Festival Internazionale “Mittelfest” di Cividale del Friuli nel 97 e 99 con l'esecuzione dei Melologhi in prima assoluta italiana: "Pigmalione" di Rousseau, "Arianna a Nasso" di Benda e "Orfeo" del compositore russo Fomin. Nell'aprile del 1998 è stato a Mosca come assistente della direttrice - violinista Tatiana Grindenko e preparatore dei cantanti per l'allestimento dell'opera "Il Re pastore" di Galuppi, eseguita al "Teatro Nuovo" di Udine in prima esecuzione moderna. E' stato l'unico direttore italiano ad essere stato inserito nel cartellone della stagione inaugurale del Teatro Nuovo "Giovanni da Udine" 1997/1998 con un concerto dedicato a Mozart con i solisti Francesco Manara (violino) e Danilo Rossi (viola).

Nella stagione teatrale 1999-2000 ha eseguito in prima assoluta italiana "Litany" del compositore Arvo Part assieme al prestigioso gruppo vocale "Hilliard Ensemble”.

Con la fondazione e la direzione del "Collegium Musicum", orchestra da Camera dell'Università di Udine, si è subito imposto all'attenzione dell'ambiente musicale internazionale vincendo nel marzo del 1995 il I° premio assoluto con diploma di eccellenza al 13° Concorso Internazionale di Stresa. Negli scorsi anni è stato impegnato stabilmente con l’Orchestra da Camera “I solisti in villa” e con l'Orchestra “Città di Pordenone”.

Con l’Orchestra da camera “Collegium Musicum” ha inciso 4 CD per la casa musicale AGORA' di Milano: 3 con 10 Concerti per 2 clarinetti e orchestra di vari autori del periodo classico, sui quali la critica nazionale ha espresso favorevolissimi commenti (..."eccellente la qualità sonora dell'orchestra di Udine" -n° 97 di Musica). Il quarto CD, edito nel 2001 sempre per la AGORA' contiene brani in prima esecuzione assoluta per clarinetto e orchestra di Paessler, con solista Nicola Bulfone.

Attività di Maestro di Coro. Per diversi anni ha svolto il ruolo di Maestro sostituto e poi maestro direttore del “Coro da Camera” della RAI Radiotelevisione Italiana di Roma. Da ricordare il concerto come Direttore all'Auditorium del Foro Italico in Roma con musiche di Rossini, Verdi, Cherubini e Puccini, concerto più volte radiotrasmesso.

Ha diretto e fondato numerosi cori, tra i quali il Coro Monteverdi di Udine e il Coro dell'Università di Udine, con i quali ha tenuto vari concerti in Italia, apprezzati da pubblico e critica.

Attività di docenza. Ha insegnato nei Conservatori di Verona dal 1977 al 1983, a Trieste dal 1983 al 1986; è ora docente di “Contrappunto, Armonia ed Analisi”, “Elementi di Direzione d'Orchestra” al Biennio Superiore al Conservatorio-Università “Jacopo Tomadini” di Udine, nonché responsabile dell'Orchestra d'Archi giovanile all'interno dello stesso - chiamata “Friuli Sinfonietta” - con la quale svolge un’apprezzata attività didattica e concertistica.

Dal 1995 al 2005 è stato docente di “Contrappunto e Armonia” nella sezione Discipline Arti Musica e Spettacolo dell’Università degli Studi di Udine con sede a Gorizia.

Direzioni Artistiche e Organizzative. E' stato per vari anni Presidente della "Gestione Concerti del Comune di Udine". Durante tale incarico ha firmato stagioni concertistiche chiamando vari direttori e solisti tra cui figuravano i nomi di Gazzelloni, Mildonian, Cavallo, Sacchetti, Flaksman, Bogino, Vernikov e Liebermann del trio Ciaikovsky. Ha rinnovato l'organico e la qualità dell'orchestra operando anche una vasta diffusione della musica nel territorio regionale. E' di questo periodo la riscoperta del compositore regionale A. Foraboschi con la prima esecuzione del suo oratorio "Praecursor Domini"per la revisione di D. Zanettovich.

Ha ricoperto l'incarico di Direttore Artistico e di Vicepresidente artistico regionale dell'U.S.C.I. (Unione Società Corali Italiane) del Friuli Venezia Giulia, rinnovando profondamente la struttura didattico-artistica del mondo corale regionale.

Nel 2001-2002 è stato Direttore Artistico per la sezione Musica e Lirica del Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Dal 2002 al 2004 ha ricoperto il ruolo di Direttore Artistico dell'Orchestra Sinfonica Regionale del Friuli Venezia Giulia con la quale ha organizzato più di 100 concerti in ambito regionale e nazionale, nonché varie tournée in Slovenia, Turchia, Tunisia, Egitto, invitando direttori e solisti di fama.

Ha tenuto vari corsi di formazione per gruppi cameristici e orchestrali (è stato docente e preparatore dell'Orchestra Sinfonica dell'Università di Catania) e tiene regolarmente Classi Magistrali di Direzione d'orchestra e di Musica da camera.

Il violinista Maestro Franco Gulli ha scritto: "Musicalità straordinaria, gesto chiarissimo ed espressivo, profonda comprensione dei differenti stili, perfetto senso dell'equilibrio sonoro, rendono le sue esecuzioni particolarmente fervide".

Trabucco Luca

Pianoforte
image

Intrapresi gli studi musicali a Genova presso il conservatorio "N. Paganini" con Claudio Proietti per il pianoforte e Adelchi Amisano per la composizione si è poi perfezionato presso l'Accademia Pianistica Internazionale "Incontri col Maestro" di Imola, prima con Lazar Berman, Alexander Lonquich e Riccardo Risaliti, quindi con Boris Petrushansky e Piero Rattalino.
Già vincitore dei più prestigiosi concorsi pianistici nazionali (Premio Venezia e Premio Città di Treviso) si è affermato in moltissime competizioni internazionali tra cui Palma d'oro di Finale Ligure, Viotti Valsesia, Pinerolo, New Orleans International Piano Competition.
Ha suonato in cinque continenti per alcune tra le istituzioni più prestigiose (Teatro Carlo Felice di Genova, Orchestra Sinfonica Siciliana, Filarmonica di Rovereto, Arena di Verona, Orchestra Sinfonica della provincia di Bari, Kawai in Bocconi a Milano, Polimusica di Madrid, CIEMM di Parigi, Tiroler Festspiele di Erl, Meranofest, Kawai a Ledro, Filarmonica di Messina, La Società dei Concerti di Milano, Louisiana Simphony Orchestra, Cairo Opera House in Egitto, Sunport Hall Takamatsu e Kagawa Hall in Giappone, Teatro La Fenice di Venezia) e con direttori quali Renzetti, Mazzola, Marvulli, Jonescu.
La sua discografia comprende opere di Bach, Scarlatti, Beethoven, Chopin, Messiaen, oltre che di Ravel e Debussy, autori dei quali ha suonato l'integrale delle opere e di cui, dalla stampa specializzata, è considerato interprete di riferimento.
Da sempre dedito all'esecuzione della nuova musica ha realizzato molte prime esecuzioni e prime incisioni di opere a lui dedicate, come compositore ha vinto il "Premio Czerny" per compositori italiani, la sua musica è pubblicata dalla Edi-Pan di Roma.
Tiene regolarmente master-classes in Italia e in Europa e siede frequentemente nella giuria di concorsi pianistici internazionali; direttore artistico e insegnante del Piano Summer Campus di Tolmezzo (Udine) è docente di pianoforte presso il Conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine.

Venier Glauco

Musica d'Insieme Jazz
image

Nato a Sedegliano (Udine) l'8 settembre 1962. Si diploma in organo nel 1985 presso il Conservatorio di Udine.

Si avvicina al jazz come autodidatta e si perfeziona in seguito per un breve periodo a Milano con il M° Franco D'Andrea.

Nel 1990 registra il suo primo cd per piano solo intitolato "Finlandia" che viene accolto positivamente dalla critica, distribuito sul territorio mondiale e attualmente di proprietà della Walt Disney International Productions.

Nel 1991 in qualità di borsista studia per due semestri presso il Beerklee College of Music di Boston sotto la guida dei Maestri Ray Santisi, Hal Crook , George Garzone ed Herb Pomeroy.

Semifinalista, finalista e vincitore di vari concorsi internazionali, nella sua modesta carriera ha avuto l'onore e la fortuna di collaborare con vari solisti di fama mondiale tra cui possiamo citare:Toots Thielemans, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Steve Swallow, Joey Baron, Marc Johnson, Charlie Mariano, Adam Nussbaum, Michael Gibbs, Cuong Vu, Matt Garrison, Bruno Castellucci, Uli Beckerhoff, Matthias Nadolny, Peter O'Mara, David Liebman, Abe Laboriel Jr, Chriss Speed, Michel Godard, Nguyen Le, Martin France, Enrico Rava, Paolo Fresu, Trevor Watts, Stan Sulzman, Diana Torto, Maria Pia De Vito, Flavio Boltro, Bob Stoloff, Christian Muthspiel, Gerrod Cagween, Gabriele Mirabassi , Wolfgang Pushnig, Anders Jormin ed altri.

Ha tenuto concerti in Germania ,Svizzera, Francia, Spagna, Portogallo,Lussemburgo, Inghilterra, Estonia, Finlandia, Olanda, Slovenia, Croazia, Serbia, Russia, Stati Uniti D'America, Repubblica Ceca, Austria, Polonia, Canada, Belgio, Ungheria, Norvegia e Svezia.

Ha effettuato registrazioni per la RAI italiana, ORF austriaca, WDR tedesca, BBC inglese ed altre emittenti minori negli Stati Uniti e Russia.

Ha registrato a suo nome 12 dischi e come sideman circa trenta.

Ha effettuato registrazioni per la Universal, Schott e altre etichette minori.

Nel marzo 2008 è uscito un cd intitolato "Distances" registrato con la cantante londinese Norma Winstone ed il sassofonista tedesco Klaus Gesing prodotto dalla prestigiosa etichetta di Monaco E.C.M.

Nel 2009 lo stesso cd ha avuto la nomination ai Grammy Awards nella categoria vocal jazz.

Dal Novembre 2009 è docente di jazz presso il Conservatorio J. Tomadini di Udine e tiene Master in Italia, Germania e Svizzera.

Nel 2010 uscirà il secondo disco prodotto dalla E.C.M. del trio con Winstone e Gesing.

Viola Stefano

Chitarra
image

Nato nel 1960 da genitori musicisti riceve i primi insegnamenti proprio dal padre che lo avvia allo studio della chitarra all’età di dodici anni dopo precedenti esperienze con la fisarmonica ed il pianoforte. L’incontro con le sei corde è folgorante e porta, a soli diciotto anni, al diploma di conservatorio con il massimo dei voti e la lode.

Dopo il diploma studia per quattro anni a Milano con Ruggero Chiesa e partecipa come allievo effettivo ai corsi di alto perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia a Gargnano e all’Accademia Musicale Chigiana di Siena.

Ha svolto attività concertistica in Italia e all’estero come solista e in formazioni cameristiche risultando vincitore di prestigiosi concorsi nazionali e internazionali (Trieste,”Nicola Fago” di Taranto, “Fernando Sor” di Roma, “Città di Alessandria”, “Mauro Giuliani” di Bari) nonché finalista al concorso internazionale “Andres Segovia” di Palma de Majorca.

Molto intensa e precoce anche l’attività didattica che lo ha portato ad insegnare nei conservatori statali di musica di Venezia, Trieste, Rovigo, Perugia, Modena, Bologna, Bari, Castelfranco Veneto (TV). E' stato fondatore e docente all'Accademia Chitarristica "Francisco Tàrrega" di Pordenone e, attualmente, è direttore artistico del Centro chitarristico "EL MAESTRO" di Treviso www.elmaestro.it

Dal 2006 è titolare della cattedra di chitarra al Conservatorio Statale di Musica "Jacopo Tomadini di Udine.

Sono oltre 200 i premi vinti da suoi studenti nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali: tra questi figurano i “Primi Premi” ai Concorsi “Fernando Sor” di Roma, “Pittaluga” di Alessandria”, “Julian Arcas” di Almeria (Spagna), “Francisco Tàrrega”di Benicasim (Spagna),”Castelnuovo-Tedesco” di Parma, “Benvenuto Terzi” di Bergamo, “Enrico Mercatali” di Gorizia, “Rospigliosi” di Lamporecchio, Sernancelhe (Portogallo), "Miguel Llobet" di Barcellona (Spagna); questi risultati ne fanno uno degli insegnanti di Conservatorio più autorevoli delle ultime generazioni e viene regolarmente invitato a far parte delle giurie dei più importanti Concorsi Internazionali di chitarra.

È impegnato da vari anni in un approfondimento continuo di tutti gli aspetti tecnico-meccanici riguardanti il rapporto con lo strumento e in virtù di queste ricerche è invitato a tenere conferenze, seminari e Master-Class in vari Festival Chitarristici in Italia, Slovenja, Croazia, Repubblica Ceka, Messico, Austria, Spagna, Polonia e Ukraina. Alcuni suoi scritti sull’argomento sono stati pubblicati dalla autorevole rivista “Il Fronimo” di Milano.

Ha elaborato e coordinato, con il sostegno economico della Regione Friuli Venezia Giulia, un importante progetto di ricerca dal titolo “Analisi posturale biomeccanica-funzionale del musicista” che ha visto coinvolti il Conservatorio e l’Università di Udine (Facoltà di Scienze Motorie), progetto che si è concluso con la realizzazione di un DVD che, recentemente, si trova allegato ad un interessante volume sull'argomento dal titolo "Manuale per l'analisi metodologica nella didattica chitarristica di base e guida all'analisi posturale" pubblicato da "Guitart".

Ha pubblicato per le Edizioni Musicali Sinfonica (distribuzione Carisch) due volumi di Tecnica chitarristica (Le Scale, Le Legature) e collaborato alla revisione di due raccolte di studi di Sor e Giuliani pubblicate dalla stessa casa editrice.

È risultato vincitore nel 2007, 2009, 2010 e 2014 del “Premio Rospigliosi per la Didattica”.

Zanini Alba

Storia della Musica

Zoccatelli Virginio

Elementi di composizione per Didattica della musica
image

Prof. Virginio Zoccatelli

Virginio Zoccatelli (1969) è un compositore italiano dotato di rara capacità tecnica ed espressiva votata ad un naturale eclettismo: come autore ha prodotto in 30 anni di attività un vasto catalogo che comprende lavori orchestrali, per orchestra di fiati, cameristici, teatrali, balletti fino ad abbracciare la musica per le colonne sonore, per i documentari e le sonorizzazioni audio video.

E’ autore di:
- 8 Opere teatrali;
- 2 Balletti: “Giulietta e Romeo...l’amore continua” (2012), e “Indaco” (prod. 2014), rappresentati nei maggiori Teatri italiani;
- Per la Rai e l’editore RAITRADE ha espressamente pubblicato 5 CD con musiche dedicate agli audiovisivi: le musiche contenute in questi album sono regolarmente utilizzate in trasmissioni televisive di grande successo di RaiUno, RaiDue, RaiTre, La7, RealTime, Sky.
- Colonna sonora del film “Diec” (2019), e di numerose musiche per documentari e video educational anche internazionali.
- Presso la SIAE sono attualmente depositati 800 record di brani.

E’ risultato vincitore di numerosi concorsi nazionali e internazionali (20): in qualità di compositore, direttore d’orchestra e/o ensemble ha pubblicato oltre 30 CD, di cui 4 monografici dedicati alla musica da camera e al pianoforte.
Le sue composizioni, presentate in Italia e all'estero, sono state eseguite da prestigiosi solisti, ensemble e orchestre dirette da professionisti quali V. Parisi, C. Ambrosini, A. Canonici, A. Mannucci, M. Somadossi.
Ha collaborato in diverse produzioni con attori e registi di fama internazionale come G. Lazzarini, P. Pitagora, U. Pagliai, e con i registi come P. Valerio, A. Giarola, F. Viviani, T. Turolo.
Si è diplomato presso i Conservatori italiani in Pianoforte, Strumentazione per Banda, Composizione: ha conseguito la Laurea in Lettere e Filosofia al DAMS di Bologna. Ha affidato la sua crescita accademica e artistica ai maestri E. Bonizzato, A. Zanon, V. Donella, F. Donatoni, A. Mannucci.
A 30 anni risulta tra i più giovani autori inseriti nell' "Enciclopedia italiana dei Compositori Contemporanei" edita da Pagano (Napoli, 1999).
Studioso del linguaggio musicale pubblica nel 2011, per l’editore Taukay, il libro “Nuovi lineamenti di retorica e composizione musicale”.

Dal novembre 2017 ricopre la carica di Direttore del Conservatorio statale “J. Tomadini” di Udine.

Maggiori informazioni si possono trovare nel sito personale all’indirizzo: www.virginiozoccatelli.com

Profilo del'artista

L’autore vive l’attività compositiva come una relazione spirituale con i suoni: tale relazione bilancia aspetti culturali e aspetti naturali, come il benessere generale della persona attraverso l’esperienza vivente dell’ascolto.
Se da un lato questo presupposto accomuna diffusi approcci dilettantistici alla scrittura musicale, Zoccatelli fa virare la propria creazione musicale e la pratica della scrittura verso un solido e diversificato campionario di tecniche e strategie compositive che si appoggiano su un solido studio accademico e una pratica costante e continuativa alla scrittura e al pensiero musicale.
Secondo l’autore, la musica creata su basi di consapevolezza e coerenza linguistica, rispettosa delle dinamiche dell’ascolto e della memoria musicale, può aspirare ad essere riconosciuta come “opera”.
La composizione musicale, una volta raggiunto un equilibrio estetico, deve progredire allo stadio successivo che è il livello etico, dove al bello si aggiunge il buono: l’opera creata, attraverso la sua forza simbolica espressa con i suoni, i timbri e la forma in generale, può essere veicolo e occasione di riflessione sui temi dell’esistenza umana e quanto ad essa connesso direttamente. In tal modo vengono inglobati e superati gli elementi di divertimento e di intrattenimento che pure la musica classica contiene in modo naturale.
L’autore crede che ogni compositore debba far venir fuori il proprio “animus”, una forza vitale e ispiratrice, che può essere di volta in volta frastuono o silenzio, veemenza o delicatezza, danza o riflessione, azione o intimo ricordo, impeto o malinconia: quei compositori che si affidano unicamente ai numerosi metodi meccanici, matematici e da fenomeni ripetitivi della scrittura che si possono definire “di allevamento”, non sono in grado di restituire il loro “animus” alla comunità di ascoltatori.
Il linguaggio musicale diventa arte quanto può esprimere l’indifferenziato e la verità, ossia quei numerosi aspetti della vita che nella realtà esistenziale fanno fatica ad emergere: l’arte musicale, attraverso messaggi e narrazioni veicolate attraverso la bellezza dei suoni e la coerenza delle forme, diventa da un lato compensazione esistenziale alle sofferenze e alle mortificazioni subite nella vita reale dagli uomini, come pure occasione di consolazione e di crescita umana attraverso la conoscenza e la riflessione.

Curriculum Istituzionale

Docente presso i Conservatori italiani dall’a.a. 1996-97, nel 2000 sostiene e supera i Concorsi nazionali per titoli ed esami istituiti per l’insegnamento nei Conservatori italiani (L.124/1999), ottenendo l'iscrizione nelle graduatorie nazionali relative alle seguenti materie:

  • Armonia, Contrappunto, Fuga e Composizione F030 (Concorso sostenuto presso il Cons. di Frosinone)
  • Elementi di Composizione per Didattica della Musica F480(Concorso sostenuto presso il Cons. di Foggia)
  • Teoria, Solfeggio e dettato musicale F350 (Concorso sostenuto presso il Cons. di Napoli)

Dal 2001 è titolare della cattedra di Elementi di Composizione per Didattica della Musica presso il Conservatorio di Udine.
Da novembre 2017 ricopre la carica di Direttore del Conservatorio.