Filter:

This site uses cookies to provide services in line with your preferences. By closing this banner, scrolling this page or click any element thereof consent to the use of cookies. Learn more

I understand

Teachers

Manfrin Luigi

Music theory, solfeggio and melodic dictation

Marchioretto Efrem

Harmony theory and analysis

Masiero Mauro

Music history
image

Nalivkina Evgenia

Practice piano

Nason Marco

Ensemble music for string instruments

Nassimbeni Lorenzo

Viola

Lorenzo Nassimbeni was born into a family of musicians. He began his training on the violin at the age of 9 and graduated at the Musical Institute in Udine under his teach Ernesto Leonardi. After obtaining a Scientific degree he began to study the viola with Augusto Vismara and was subsequently awarded a Diploma at the Conservatory “B. Marcello” in Venice. He specialized on the viola with Dino Asciolla and Enrico Gatti on ancient music. He was awarded first place in the competition for a role in the orchestra of La Fenice Theatre in Venice and has carried out intensive orchestral and chamber music activities in collaboration with many instrumental groups.

He started teaching at the Conservatory “G. Tartini” in Trieste. Since 1983 he has been a tenured viola teacher at the Conservatory “J. Tomadini” in Udine. He took part in the VIII Viola d'Amore Society of America Congress which was held in 1996 at Michaelstein (Germany), when he present modern pieces for the first time.

Is the author of several essays on the history of musical instruments and musical life in Friuli: in these fields he carries out research in archives and libraries, contributing to rediscover personalities connected to the history of friulan music. He has revised scores of baroque instrumental music, printed by Italian and German publishers. In 1999 he published the book Paganini, Rossini e la Ferrarese. Presenze musicali in Friuli fra Settecento e Ottocento. He edited the cataloging of organ patrimony in the diocese of Gorizia and Udine.

 Also plays instruments by the friulan lute maker Gio Batta Morassi.

 

MUSICAL EDITIONS

Bartolomeo Cordans, Sonata per violino e organo, realizzazione del basso continuo di D. Zanettovich, ed. Pizzicato P. 342.
Ignazio Gobbi, Sinfonia in Fa maggiore per archi, 2 oboi e 2 corni, ed. Pizzicato PVH 686.
Giuseppe Torti, Concerto G-Dur für 3 Flöten und Basso Continuo, Musikverlag Zimmermann ZM 32980.
Ella von Schultz Adaïewsky, Souvenir de Tarcento, polka per pianoforte, ed. Pizzicato PVH 1731.


PUBLICATIONS

La viola d’amore, «Liuteria», II/6, dicembre 1982.
La grande viola di Nicolò Paganini, «Liuteria», VI/18, novembre 1986.
The Stradivari viola d’amore, «Viola d’amore Society of America/Newsletter», 11/2, november 1987.
Una viola d’amore di Johann Schorn del 1697, «Viola d’amore Society of America/Newsletter», 14/1, april-may 1990.
La fabbricazione di corde per strumenti musicali a Udine nel XVII secolo, «Sot la Nape», XLV/1, 1993.
L’organaro friulano Francesco Comelli: un inventario di bottega, «Metodi e Ricerche», XIII/1-2, 1994.
Nuovi documenti sulla presenza dell’organaro don Pietro Nachini in Friuli, «Metodi e Ricerche», XIV/2, 1995.
Ritratti di musicisti nei Civici Musei, «Udine, Bollettino delle Civiche Istituzioni Culturali», 2, 1995.
L.N. - F. Metz, Musica e Musicisti in Palmanova tra il XVII e XIX secolo, in Pietro Alessandro Pavona e la musica sacra a Palma, Palmanova 1996.
La viola d’amore nelle lettere di Padre Martini, «Viola d’amore Society of America/Newsletter», 20/2, november 1996.
Gli ultimi anni di vita dell’organaro Pietro Nachini e il suo testamento, «L’Organo», XXXI, 1997.
Paganini, Rossini e la Ferrarese. Presenze musicali a Udine e in Friuli tra Settecento e Ottocento, Udine 1999.
L.N. - A. Zanini, Giovanni Battista Tomadini (1738-1799). La vita e il catalogo delle opere, Udine 1999.
F. Metz - L.N., Documenti musicali della terra patriarcale di San Daniele del Friuli, in Aquileia e il suo Patriarcato, Udine 2000.
Il liutaio Sergio Peresson (1913-1991), Udine 2001.
Organi e tradizioni organarie nel Friuli Venezia Giulia. L’Arcidiocesi di Gorizia, schede tecnico-descrittive degli organi a cura di L. Stella, Udine 2004.
Gli strumenti musicale di Jacopo Tomadini e un liutaio pordenonese, «Atti dell’Accademia “San Marco” di Pordenone», 4-6, 2002-2004.
Organi e organisti nel territorio di Fagagna, in Feagne, Udine 2007.
Nuovo contributo alla biografia di Bartolomeo Cordans, in Arti e società in Friuli al tempo di Bartolomeo Cordans, Udine 2007.
L’organaro don Pietro Nachini e la villa Cabassi: una presenza musicale, in Corno di Rosazzo la sua storia, la sua gente, Cividale del Friuli 2007.
Giovanni Battista Candotti, Gli scritti musicali, Udine 2008.
Gli organi e la tradizione musicale nella parrocchia del Redentore di Udine, Udine 2010.
Le fonti candottiane dell’Archivio di Stato di Udine, in Candotti, Tomadini, De Santi e la riforma della musica sacra, Udine 2011.
Gli organi di Paderno, Udine 2011.
Organi e tradizioni organarie nel Friuli Venezia Giulia. L’Arcidiocesi di Udine. 1. Foranie di Ampezzo, Gemona del Friuli, Gorto, Moggio Udinese, San Pietro di Carnia-Paluzza, Tarvisio, Tolmezzo, schede catalografiche degli organi a cura di L. Stella, Udine 2012.
Callido in Friuli Venezia Giulia: opere, allievi e seguaci, in La lezione del professor d’organi Gaetano Callido. Suoni, studi e strumenti, Regione del Veneto 2015.
Dalla Società Filarmonico-Drammatica al Conservatorio (1826-1981). Le vicende della scuola di musica a Udine e Il patrimonio organistico, in Il sistema musica nella provincia di Udine, Udine 2018.
Anniversari musicali, «Sot la Nape», LXX/4 (2018).
Le lettere di Pietro Nachini, in Pietro Nachini. Vita, opere e criteri costruttivi di uno dei maggiori organari di ogni tempo, Guastalla 2020.

Ninci Vincenzo

Organ and Gregorian Chant

Pagotto Mario

Composition
image

MARIO PAGOTTO (1966)

After the musical proscriptions downfall, thanks to the Neoromantics of the 80’s, and once that – with the fall of the Berlin wall – the aesthetic ideological conflicting between a communicative language (close to the public) and a demanding language (that required an understanding sacrifice) went over, who began to compose in the 90’s – as Mario Pagotto – could naturally seek his own expressive way into a cultural spectrum totally diversified. 

This composer, who comes from the Italian Veneto region, has got a production that presents now a variegated range of colors and ways of expression that have been often inferred from clearly detectable experiences, but from which each kind of involvment has been sent off:  from the Strawinsky’s ritmic tension to procedures with minimalistic derivation, from the early French 90’s to the popular music… Everything has been then reinvented following a strict constructive discipline, that comes from his formation with Franco Donatoni. And it is this rigour that allows simplicity and immediacy.

Paola Maurizi

Graduated at “Università di Bologna” in Musicology with a dissertation on Igor Stravinsky, he got a diploma in Chorus Music and Chorus Conduction, and Diploma in Composition with Alessandro Solbiati. He specialized at the Accademia Chigiana in Siena, and at the Accademia Nazionale di Santa Cecilia with Franco Donatoni.

He was prize-winner in many national and international  composition competitions, and his works have been performed several times by important concert associations in Italy and abroad, and presented at important festivals (Biennale” di Trieste; “Sonopoli” di Venezia; “Festival Internazionale di Venezia” della Pietà, “Soliste de l’atelier instrumental du XXe Siécle”di Lyon; Chromas “Trieste Prima”; “Rive Gauche” di Torino; Festival di Musica contemporanea di Peking; Rai Nuova Musica 2004, Torino; Nuovi Spazi Musicali, Roma; Sentieri Selvaggi, Milano; Festival dell’Aurora, Crotone; Festival Internazionale di Portogruaro, Mittelfest di Cividale del Friuli, Stagione Orchestra Sinfonica Verdi di Milano; Vociferazioni, Trento, Stagione dell’Orchestra di Padova e del Veneto, Teatro Luciano Pavarotti di Modena, Teatro Comunale di Sassari  and Wien, London, Istambul, New York, Baltimora and many others). His works are broadcasted by Rai Radio 3, Rai Classica  and Rai Sat. In 2006 his work Fearless  it’s selected as finalist at International Competition for Original Music and Choreography of Alexander S. Onassis Pubblic Benefit Foundation. He has devoted himself to the conduction of chamber and vocal ensembles, with the aim of promoting contemporary music. He teaches composition at the Conservatory “J Tomadini” in Udine and he is regularly invited for Composition Masterclass like in Universität Mozarteun di Salzburgh, Conservatorio Superior de Musica di Castilla y Léon - Salamanca, Cracow Music Academy - Krakow, Conservatorio Superior de Musica Joaquim Rodrigo – Valencia, Academy of Music,Ljubljana, Conservatorio Superior Manuel Castillo, Sevilla.

Paoletti Fabrizio

Saxophone
image

Nato a Tolentino (Mc), vive a Trieste. Si è diplomato in clarinetto e in sassofono con il massimo dei voti e la lode. Tra i suoi maestri, i più significativi per la sua formazione di sassofonista sono stati Jean-Marie Londeix e Claude Delangle. Svolge attività di concertista, didatta, critico musicale, ricercatore della musica primigenia per sassofono, esploratore delle risorse acustiche del suo strumento (suona tutta la famiglia dei sassofoni).

Dal 1984 è componente del Quartetto di Sassofoni Accademia, ha tenuto più di 1500 concerti nelle più prestigiose sedi del mondo come il "Mozarteum" di Salisburgo, Il "Museo de Arte Contemporanea" di Barcellona, il CNSM di Parigi, il "Palau della Musica" di Valencia, Centro "Bellas Artes" di Madrid, Il teatro "Teresa Carreno" di Caracas, "Ted Mann Theater" di Minneapolis, Philarmonie di Lussemburgo, per importanti istituzioni concertistiche e festival quali Biennale di Venezia, Filarmonica di Bologna, Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, “Nuova Consonanza”, Società dei concerti "B.Barattelli" de l'Aquila, “Aspekte Festival” di Salisburgo,"Teatro Verdi" di Trieste, Filarmonica Laudamo di Messina, "Nuova Consonanza" di Roma, "Toronto Down-Town Jazz Festival", “2011 Wintergreen Music Festival” in Virginia,"World Saxophone Congress"(Tokyo 1988, Pesaro 1992, Valencia 1997,Toronto 2000, Minneapolis 2003) ecc..

Ha effettuato più di 70 tournée in Germania, Stati Uniti, Francia, Spagna, Austria, Svezia, Belgio, Svizzera, Ungheria, Finlandia, Slovenia, Croazia, Grecia, Turchia, Canada, Cecoslovacchia, Giappone, Canada, Venezuela, Brasile, Malta, Lituania, Lettonia, Polonia, Romania, Ungheria. Albania, Etiopia, Lussemburgo, Olanda, Corea.

Vincitore di concorsi nazionali e internazionali, si è esibito, come solista e strumentista, con orchestre come "Accademia di S.Cecilia", Teatro dell'Opera di Roma, Sinfonica di Minneapolis, Wintergreen Festival Orchestra, Sinfonica del "Mediterraneo"( Spagna), Orchestra di Stato Ucraina, Kiev’s Strings, Orquesta Sinfonica del Carabobo(Valencia-Venezuela), Sinfonica di Maracaibo, Solisti Aquilani, "Lirico Sinfonica Internazionale"di Lanciano, Sinfonica di Sanremo, Sinfonica Marchigiana, Sinfonica Abruzzese, Sinfonica di Bari, Philarmonia Veneta, Orch. da camera "B.Marcello", ecc....

Ha collaborato con compositori quali Ennio Morricone,Vittorio Fellegara, Franco Mannino, Marco Di Bari, Jan Van der Roost, Ada Gentile, che hanno dedicato più di cinquanta composizioni al suo gruppo, e artisti di rilievo come Claude Delangle, Bruno Canino, Massimiliano Damerini, Luisa Castellani, Alda Caiello, Michele Placido, Cristina Zavalloni, Patrick Gallois, Mauro Maur, Zagreb Saxophone Quartet, Fundacion Sax-Ensemble di Madrid.

Ha registrato per la Rai, Radio France, Radio Croata, Radiotelevisione Capodistria, e altri importanti enti radiofonici di tutto il mondo.

Ha inciso una dozzina di compact-disc per Bmg Ariola, Dynamic, Nuova Era, Edipan, Iktus, tra cui il Cd "Hommagè à Sax" (con la partecipazione di Claude Delangle) , al quale Radio France ha dedicato la trasmissione "L'Immaginaire de Sax", in occasione delle celebrazioni per il centenario della morte dell'inventore.

Docente di sassofono al Conservatorio "J.Tomadini" di Udine, ha tenuto corsi e master-class in Spagna, Venezuela, Stati Uniti, Slovenia, Albania, Turchia, Lettonia, Francia (Parigi, Conservatoire National Superieur de Musique), e Italia.

Viene invitato in giuria in concorsi in Italia, Slovenia, Lettonia. Suoi allievi sono vincitori di concorsi e premi in Italia e all'estero.
Per il valore dell'attività didattica svolta, ha ottenuto il riconoscimento della EEC che lo ha ospitato al CNSM di Parigi, nella classe di C.Delangle. Per la carriera svolta è stato insignito del prestigioso “PREMIO SCANNO”, XXXIX edizione. Dal 1992 collabora con la Selmer e la Vandoren di Parigi .
Suona i sassofoni Selmer della Serie III, ed i bocchini Vandoren della serie “Optimum”

Rassegna stampa:
La critica specializzata ha così accolto l'uscita dei CD:

"French & American Music":

- CD Classica [...] bravissimi, giovani e ben affiatati (Di Gennaro).
- Applausi [...] una musicalità ed un senso stilistico eccezionali. (Baldassarre).
- Fedeltà del Suono [...] Il variegato mosaico musicale è reso con estro, gusto ed innegabile virtuosismo. (Re).
- Saxophone Journal [...] This CD is one of the best quartet disks to come in awhile. (Viola).

- "Hommage à Sax": Alta Fedeltà [...] Ecco allora che si delinea la singolarità della registrazione: un preludio all'incanto dell'ascolto (Chierici).
- Fedeltà del Suono Piacevole, molto musicale e tecnicamente puntualissima risulta l'interpretazione dei bravi strumentisti del Quartetto Accademia [...] (Re).
- i Fiati [...] e quattro musicisti italiani che hanno creato prima, e consolidato poi, un quartetto equilibrato in ogni sua parte. (Cioffi).
- Musica rock & altro (supplemento de La Repubblica) [...] L'italiano Quartetto di Sassofoni Accademia, attraverso accurate ricerche soprattutto nelle biblioteche parigine, ha scoperto, in belle edizioni ottocentesche, musiche di autori quasi sconosciuti e le presenta ora per la prima volta. (Pietro Acquafredda).
- Musicalia [...] E' raro, nel panorama concertistico nazionale, trovare ensemble come il Q.S.A. Per chi già li conosce, questo CD è la conferma della loro bravura. Il loro fare musica è la gioia stessa della musica. Anche il più impreparato degli ascoltatori può cogliere dalle loro esecuzioni ogni sfumatura, ogni colore, ogni minima differenza dinamica. (Blatti)

- "Allegro scherzando":

- La Repubblica. Strepitoso il CD "Allegro scherzando" [...], è uno di quei dischi che fanno bene al cuore, all'anima e al cervello. Quattro virtuosi con un suono prodigioso [...]. Da non perdere! (N. C.).
- Fedeltà del Suono [...] si fanno apprezzare ancora una volta per le loro sopraffini doti tecniche (intonazione, insieme) e, soprattutto, per le qualità musicali. (Re).
- Strumenti e Musica [...]. Un Cd di successo! (Gatti).
- i Fiati [...] In questo disco tutte le emozioni che solitamente emergono durante gli spettacoli live, rivivono in ogni passo, in ogni sfumatura stilistica, in ogni armonia. [...] Il Quartetto di Sassofoni Accademia sulla cresta dell'onda da quasi quindici anni, riesce a meravigliarci soprattutto per la limpidezza dell'esecuzione.. [...] sentiamo il dovere di ringraziare questa formazione portabandiera di fondamentali valori artistici spesso dimenticati (Blatti).

"'Round mid... jazz": "Il modo in cui il Quartetto di sassofoni Accademia suona questo mio brano è esattamente quello che io volevo. L'approccio ha il giusto feeling per questo tipo di musica fatta di echi differenti che stanno fra la musica contemporanea e il jazz. I quattro solisti hanno un fantastico suono d'insieme e la loro tecnica è perfetta. Martial Solal.

- Amadeus [...] bisogna ascoltarli dal vivo per constatare a quale grado di entusiasmo i magnifici quattro siano capaci di trascinare il pubblico [...] Sono musicisti che ci fanno onore. Franco Fayenz.

- Fedeltà del Suono [...] qui ritroviamo tutte le qualità che ci hanno fatto apprezzare questa formazione: insieme, intonazione, gusto della frase, pulizia dell'esecuzione. In più c'è un repertorio decisamente accattivante che poco si distacca da certa musica classica del Novecento. (Re)

…e così commentato i concerti...

- La Provincia (Cremona) Quattro sassofoni per la gioia di Bach. [...] Peccato che il sax sia stato inventato quasi un secolo dopo la morte di Bach altrimenti il Kantor avrebbe destinato l'Arte della Fuga proprio al quartetto di sassofoni[...] è stato un piacevolissimo concerto [...] Come fuori programma il citato contrappunto bachiano. Morbidissimo il suono prodotto dal Quartetto Accademia, ensemble capace di inedite sfumature e di raffinatezze sopraffine. (ro.c.).

- Primorske Novice (Slovenia) La cosa migliore che può accadere a un gruppo è quello di diventare un solo corpo, un solo musicista, un solo strumento. Il Quartetto Accademia lo è stato fino all'ultimo accordo [...] indimenticabile è stata la fuga di Bach, come bis [...] (Jozek Štucin).

- Oko Kultura šolstvo (Slovenia) [...] Nel quarto concerto della stagione si sono esibiti i sassofonisti italiani che hanno conquistato il pubblico con una leggera e gioiosa energia. [...] (Tatjana Gregoric).

- il Cittadino (Lodi) Grande successo per il quartetto "Accademia". [...] (Pozzini).

- L'Eco di Bergamo (Bergamo) [...] l'ensemble italiano di maggior prestigio internazionale.

- la Nuova Ascoli (Ascoli P.) [...] e il pubblico li insegue con un mare di applausi [...]. (Malpiedi).

- L'Unione Sarda (Nora) Entusiasmo per quattro sassofoni. [...] (Quaquero).

- El Carabobeño (Valencia -Venezuela) Este grupo es sencillamente estupendo (José Calabrese).

- Gazzetta del Sud (Messina) Alchimie del quartetto Accademia. [...] Puntuali e di rara precisione le esecuzioni del quartetto (dalle sonorità intense e delicate). (Pappalardo).

- The Sunday Times (Malta) I was immediately struck by the brightness of the sound, the clear articulatin ever in the faster passage, and the excellent rapport between the performers. [...] (Cecilia Xuereb)

- The Times (Malta) It gave a good indication of the four performer's accomplishments which includes lots of polish, a smooth blend of the four instrumental voices or tones and fine musicianship [...] (Albert G. Storace).

- Latina oggi Metti insieme quattro sassofoni ed un programma di tutto rispetto... Resistere sarà impossibile.

- La Nuova Sardegna Colto, raffinato ironico sax [...] (Daniela Sari).

- Il Biellese Il Quartetto di Sasssofoni Accademia e la magia del sassofono [...] (Roberto Forno).

- Avvenire Il sassofono entra nella musica colta, non più come evocatore di situazuiioni particolari, ma in prima persona. Anzi con l'intera famiglia. L'Importante è che la famiglia si formi e sia raccomandabile come il quartetto formato da Gaetano Di Bacco, Enzo Filippetti, Giuseppe Berardini e Fabrizio Paoletti. I quattro aquilani sono molto bravi [...], e tutto è in funzione della fusione delle voci e dell'equilibrio dei volumi. [...] (Virgilio Celletti).

- Heraldo de Aragòn (Spagna) Gran concierto del Quartetto di Sassofoni. (I. Cabello).

Parolini Giorgio

Organ and Organistic Composition
image

Giorgio Parolini obtained Diplomas in Piano under the direction of Luisella Minini, Organ and Organ composition with Enzo Corti and Harpsichord with Mariolina Porrà. He has attended Masterclasses in Organ with renowned teachers such as H. Vogel, P. Planyavsky, K. Schnorr, J. Van Oortmerssen, L. Ghielmi, L. Lohmann, R. Saorgin, M.C. Alain, L. Rogg, F. Delor, C. Stella. In September 1994, he was admitted to the Organ and Improvisation class of Lionel Rogg at the Superior Conservatory of Music of Geneva where, in 1996, he won the prestigious "Premier Prix de Virtuosité". In 2001 he attended the courses for Orchestra Musicians at the Teatro alla Scala Academy in Milan.

In 1992 he won the 16th Edition of the National Organ Competition in Noale (Venice), in 1997 he was the only Italian organist admitted (after an anonymous pre-selection round) at the 2nd Edition of the International "Ville de Paris" Organ Competition, in 1998 he was finalist at the 1st Edition of the National Harpsichord Competition "G. Gambi" in Pesaro and in 2000 was the only Italian organist admitted (again after a pre-selection round) to the International Organ Competition in Odense (Denmark).

Interested in the entire organ repertoire, he plays concerts on instruments of all different periods and styles. He plays regularly in Italy, Europe and the United States: he has been invited to Notre-Dame Cathedral in Paris, St. Paul’s Cathedral in London, St. Patrick’s Cathedral in New York City, the National Cathedral and National Shrine of the Immaculate Conception in Washington D.C., St. Mary’s Cathedral in San Francisco, to the Cathedrals in Copenhagen, Magdeburg, Brandenburg, Limburg, Minden, Fulda, Ulm, Toledo (OH), Orléans, Bordeaux, St. Malo, Barcelona, Weingarten Basilica, the Church of the Madeleine in Paris, St. Thomas Church - New York, Fourth Presbyterian Church - Chicago, Hallgrimskirkja - Reykjavík, Odense Organ Festival (Denmark). His recitals are unanimously praised by the public, critics admire his brilliant interpretative skills, his expressiveness, and his judicious command of registration.

Contemporary music is an important part of his wide repertoire: he gave the world premiere of Eugenio Maria Fagiani’s “Veni Creator Spiritus” and of Grimoaldo Macchia’s “Partita – Suite sopra Abide with me”. He has also given first performances of pieces composed by Lionel Rogg and (in Italy and Germany) Denis Bédard. He also co-operates with choirs, instrumental ensembles and instrumental soloists.

In 2006 he recorded Mozart’s Fantasia KV594 for a DVD produced by Musicom for Banca Intesa, in 2008 his recital at the Cathedral in Barcelona was recorded by Radio Catalunya, and his concert activity was the theme of “The colours of the organ”, a program broadcast by the Vatican Radio in 2004.

He teaches Organ at the Conservatorio di Musica “J. Tomadini” in Udine. He also taught Organ at the Conservatorio di Musica “G.P. da Palestrina” in Cagliari, at the ISSM “V. Bellini” in Catania and at the Conservatorio di Musica “L. Marenzio” in Darfo Boario Terme and in Brescia.

He has been on juries for international Organ competitions and in June 2017 was invited to teach a Masterclass at the 22nd International Organ Academy in Lövstabruk (Sweden), featuring the historical Cahman organ built in 1728. Since July 2019 he is Sub-Dean of the European Chapter of the American Guild of Organists.

For the German label Motette Psallite Verlag he recorded the cd “Amazing Grace” with pieces by the organist and composer Grimoaldo Macchia; most of the repertoire is a “World Premiere Recording”.

Parolini is Organist Emeritus of the Musical Chapel of Monza Cathedral, where he served from 1995 until 1998. From 1999 to 2012 he was Titular Organist of Sant'Eufemia Basilica in Milan. Since July 2021 he is Titular Organist of the Corpus Domini Basilica in Milan.

Persoglia Fabrizia

Practice piano

Piani Antonio

Choir music and choir conducting
image

Ha suonato nella Basilica di S. Marco a Venezia e nella stagione concertistica della Basilica dei Frari nella stessa città. Ha inaugurato numerosi strumenti e restauri di organi storici. È stato premiato in concorsi nazionali.

I suoi interessi si estendono anche a svariati campi della composizione nonché ad un costante impegno didattico che lo ha portato, negli ultimi anni, alla pubblicazione di composizioni, opere didattiche e saggi di analisi musicale.

Ha inoltre tenuto numerose conferenze di argomento musicologico. Ha seguito i corsi di Semiologia e analisi della Fondazione Cini di Venezia.

Si è perfezionato in Composizione con il M° Franco Donatoni presso la Fondazione “R. Romanini” di Brescia ed in Direzione d’orchestra con i maestri L. Descev, L. Rosada e M. Benini.

Sue composizioni per organo sono incise in un CD della Casa musicale Carrara ed un quartetto per archi è stato registrato nel CD “Musica di queste terre” a cura delle Edizioni Taukay. È stato direttore del Coro Filarmonico di Udine con il quale ha preso parte all’edizione dell’opera “Don Pasquale” di G. Donizetti e “Bohème” di G. Puccini e numerosi concerti lirico-sinfonici. Nel 2001 ha diretto le musiche di scena di L. Nono per il dramma “I Turcs dal Friûl” di P. P. Pasolini.

È titolare della cattedra di Musica corale e direzione di coro presso il Conservatorio di Udine dove ha tenuto anche la docenza di Armonia e contrappunto, Esercitazioni corali e Basso continuo.

Ha curato insieme a Giulia Fanutti per l'editore Rugginenti il volume dal titolo "Il corale nello stile di H. Schütz e J. S. Bach" di Ulrich Kaiser.
L’edizione italiana, curata da Giulia Fanutti e Antonio Piani, tiene conto di alcuni obiettivi particolari nella redazione del testo: tradurre il maggior numero possibile di termini tecnici con il lessico appartenente alla manualistica tradizionale italiana; completare numerosi esempi musicali con l’analisi armonica, richiami grafici, commenti e integrazioni che garantiscono all’utente una comprensione migliore e accessibile del testo.

Il cd-Rom contiene:
- un catalogo con i tutti salmi di Schütz, tutti i corali di Bach e tutti i Kantionalsätze di Hassler in formato midi, pdf e per il programma “capella 5”;
- il programma musicale “capella 5” con cui è possibile stampare e ascoltare i brani seguendo la partitura;
- oltre 300 esercizi redatti per l’apprendimento della composizione e l’analisi di corali; inoltre, è possibile ascoltare gli esercizi e verificare i propri elaborati con le soluzioni. L’opera, per il suo taglio didattico, è indirizzata in particolare agli studenti dei conservatori di musica e dei relativi corsi triennali e biennali specialistici, ai frequentanti le lauree in musicologia, alle accademie e istituti musicali, ai compositori, direttori di coro e d’orchestra, organisti e cembalisti, nonché ai numerosissimi studiosi di musica.

Procaccioli Stefano

Harmony theory and analysis

Pulina Federico

Piano

Federico Pulina (1995) is an Italian pianist and teacher based in Luzern. He performs solo and chamber music recitals.

Federico began studying piano at the age of five in the small Civic School of Music in Ploaghe, his hometown. He graduated from the Conservatory “Luigi Canepa” of Sassari with top marks and honors, under the guidance of M° Anna Revel in 2014.  He then studied in the class of M° Davide Cabassi obtaining the second level of Academic diploma with full marks, praise and mention in 2019. In chamber music he studied with Marco Decimo, Luca Moretti and Marco Rogliano. He is currently specializing at the Hochschule of Lucerne with M° Konstantin Lifschitz in the Master Solo Performance. 

In 2011 he made his debut with the orchestra Marija Judina at the Teatro Storchi in Modena and at the Teatro Verdi in Sassari performing Mozart’s Concerto KV 488, under the guidance of Maestro Giovanni Paganelli. In the same year, he was invited to the inaugural concert of the prestigious Palazzo Giordano in Sassari. Since then, he is often invited as soloist and chamber musician in prestigious music festivals in Italy and abroad. Among these are the seasons of the Bocconi University of Milan, Belarusian State Academy of Music in Minsk, Primavera di Baggio, Kawai a Ledro, Accademia dei cameristi di Bari, Hirzenberg Festival, Kunst Kreis Luzern.

He has won numerous awards in international competitions. Among the most recent ones, the first prize at the Luigi Nono International Music Competition and the first prize at the competition dedicated to the memory of the duo Giangrandi Eggman. Being selected among the finalists of the AEVEA Piano Prize competition, he recorded the complete etudes of F.Chopin in the Maffeiana Hall of Verona.

In August 2020 he has been selected by the academy of chamber musicians of Bari and he will be included in future concert programs of the Academy. In the same month, he has been invited, as the only Italian student, to attend the summer courses of the foundation Theo and Petra Lieven in Vienna meeting masters such as Jean-Marc Luisada, Alon Goldstein, Jura Margulis, Claudio Martínez Mehner, Ferenc Rados and Rita Wagner.

In June 2021 he has made his debut at the KKL concert hall in Lucerne with the Piano Concerto by G. Ligeti accompanied by the Luzerner Sinfonieorchester under the direction of James Gaffigan. The following month he has won the Roscini - Padalino Prize, Brunello and Federica Cucinelli foundation dedicated to the best Italian musicians studying abroad.

In September 2021 his first studio recording was released on the DaVinci Publishing label with Chopin's Op. 25 and the first book of etudes by G. Ligeti.

 

Radassao Roberto

Practice piano

Rojatti Ezio

Score reading
image

Inizia gli studi musicali presso il Conservatorio “J. Tomadini “ di Udine. Si diploma in Musica Corale e Direzione di Coro presso il conservatorio “B. Marcello” di Venezia, in Composizione al Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida del M° G. Manzoni. Studia con A. Clementi e F. Donatoni al DAMS di Bologna. Si perfeziona in Direzione d’Orchestra con C. M. Giulini e L. Bernstein.

Attualmente titolare di Cattedra presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine ha insegnato nel Conservatorio “G.Verdi” di Milano.

Vincitore di Concorsi Internazionali di Direzione D’Orchestra e Composizione.

Ha collaborato con: F. Meloni, S. Gazzelloni, C. Anderson, A. C. Antonacci, M. Breeth, F. De Angelis, A. Bennici, G. Tampalini, E. Gvazava, N. Piovani, lo Jess Trio di Vienna, I Fiati Solisti della Scala, R. Bruson, l’Orchestra da Camera dei Berliner Philharmoniker, l’Orchestra Sinfonica del Cairo, i Virtuosi del Teatro alla Scala, la Cantelli di Milano …

Ha all’attivo numerose incisioni per la Deutsche Grammophone, la Sony, la Real Sound, la Sonoton di Monaco di Baviera, la Bongiovanni, la Nuova Era, la Rivo Alto e per la Collana i Maestri della Musica edito dalla De Agostini, aprezzate dal pubblico e dalla critica. Ha effettuato registrazioni per la Süddeutscher Rundfunk, per la ORF Radiotelevisione Austriaca e per la RAI Radiotelevisione Italiana, LA7.

Dal 2006 collabora stabilmente con l'Orchestra “Virtuosi del Teatro alla Scala” di Milano

La rivista AMADEUS gli ha dedicato numerose copertine e incisioni inedite di Mercadante, Bottesini, Carulli, Malerbi.

La Sony nel novembre 2013 pubblica un Cd dedicato a musiche di Tartini, Violino solista Francesco de Angelis insieme alla Brescia Orchestra

Nel dicembre 2016 la Deutsche Grammophone pubblica un Cd dedicato a W. A. Mozart contenente il famoso Concerto per Clarinetto di Bassetto in collaborazione con il M° Fabrizio Meloni.

Rosato Giampietro

Harpsichord, Organ and Organistic Composition
image

Giampietro Rosato, harpsichord player, pianist and organist, was born in 1970 in Padua, where he began his musical studies and gained recognition for his interpretations of Baroque and classical works as well as New Music.
He attended courses held by Tom Koopman, Michael Radulescu, Luigi Ferdinando Tagliavini, Gustav Leonhardt, Andreas Staier and Eckart Sellheim. He has studied harpsichord and organ at the State College of Music in Trossingen, and with Jean-Claude Zehnder at the Basel Schola Cantorum.
Giampietro Rosato has won several prizes in national and international competitions, including Stresa (1988), Bologna (1993), Prague (1994), Brugge (1995), where he also received the “Audience Prize”, and Leipzig (1996). In 1996 he was awarded the DAAD prize by the Trossingen State College of Music, and the following year he won first prize in the international harpsichord competition held by NDR -North German Radio- in Hamburg.
In addition to his solo work, which involves him in many radio (SWF, MDR, NDR, N3 and ORF) and CD recordings, Giampietro Rosato also plays with other soloists and with chamber groups. He has been continuo player and solo harpsichordist of the Sonatori della Gioiosa Marca since 1997.
From 1994 to 1999 he was a part-time lecturer for the harpsichord, chamber music and repetiteur work at the Trossingen State College of Music’s Institute for Early Music and currently he teaches at the Udine Conservatoire.
Giampietro Rosato was invited to perform in numerous festival and concert halls in Italy and Europe (Klavierfestival-Ruhr, International harpsichord Festival of Milan, Bach Museum "Historischer Sommersaal" of Leipzig, Händel-Haus in Halle, Teatro Nuovo of Verona, Baroque September of Padua, Festival Antegnati of Brescia, International Organ Festival "City of Treviso", Teatro Bibiena of Mantua).
Recently, he edited for the publishing house Armelin Musica of Padua the modern edition of "Sonata for Violin and Organ" by Oreste Ravanello and will be published shortly "6 Concerts for harpsichord and orchestra" by B. Galuppi.