NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Mansutti Claudio

Si è diplomato in clarinetto con il massimo dei voti presso Conservatorio Tomadini di Udine sotto la guida del Maestro Attilio Pecile. In seguito si è perfezionato con i maestri Primo Borali (RAI Milano) e Karl Leister (Berliner Philarmoniker).

Ha vinto diversi concorsi nazionali ed internazionali di musica da camera e ha registrato per la RAI e l’ORF (Österreichischer Rundfunk). È stato fondatore del Diapason Ensemble e dell’Orchestra Accademia Ars Musicae di Klagenfurt di cui è stato primo clarinetto. Come solista si è esibito anche con l’Orchestra della Radio Televisione di Zagabria, l’Orchestra da Camera di Gorizia, la Diapason Chamber Orchestra e recentemente a Napoli con l’Ensemble Variabile, in Austria con l’Orchestra Mahler e in Germania con la Budapest Chamber Orchestra. Successivamente Mansutti ha intrapreso gli studi di direzione orchestrale con il Maestro Ludmil Descev, già direttore dell’Opera di Sofia, e si è perfezionato con il Maestro Roberto Repini. Si è esibito in Italia, Austria, ex-Jugoslavia e Germania, collaborando con artisti di levatura internazionale. Ha diretto i Solisti di Sofia, diverse orchestre del Friuli Venezia Giulia e l’Orchestra della Radio Televisione di Ljubljana interpretando il Requiem di Mozart a Udine, Pordenone, Ljubljana e a Domzale (Slovenia).

Dal 1991 è direttore artistico del Teatro Luigi Bon di Colugna. Inoltre è stato consulente organizzativo del Teatro Giovanni da Udine, direttore della produzione dell’Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia e direttore della Fondazione Città di Gorizia per cui ha curato anche la direzione artistica per la riapertura del Teatro Verdi di Gorizia.

È stato premiato come personaggio culturale friulano dell’anno 2001 con il Moret d’aur. Attualmente collabora con il pianista Ferdinando Mussutto, con il soprano Annamaria Dell’Oste e con il quartetto d’archi Amarcord formato da musicisti del Berliner.