Association Européenne des Conservatoires

NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Rassegna Stampa

3 aprile 2017

Il pianista Federico Lovato e tre giovani interpreti per il concerto da camera in collaborazione con il FAI

Dopodomani, 5 aprile alle ore 18.00, si aprirà in sede il ciclo di aprile dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”; il docente e concertista Federico Lovato presenterà tre promettenti studenti ed ex studenti dei bienni superiori, Benedetta Ceron (oboe), Song Wenjun (clarinetto) e Vanja Radlovački (violino), per un itinerario nella musica da camera che prenderà avvio dal virtuosismo clarinettistico con le poco note Variazioni su un tema da “Silvana” op. 33 di Carl Maria von Weber e affronterà a seguire due imponenti pagine cameristiche, Sonata per violino in do minore n. 3 op. 45 di Edvard Grieg e Sonata per oboe op. 166, testamento artistico di Camille Saint-Saëns. La collaborazione del Conservatorio di Udine con il Fondo Ambiente Italiano vanta una lunga tradizione che, in particolare in occasione delle “Giornate Fai di Primavera”, ha favorito negli anni la programmazione di una rilevante serie di concerti e conferenze con la partecipazione di docenti e studenti del “Tomadini”. Il concerto di dopodomani vedrà la partecipazione di un docente, pianista acclamato e noto al pubblico per la fitta rete di prestigiose collaborazioni cameristiche che lo vedono protagonista, Federico Lovato, diploma con lode in Pianoforte e diploma in Violoncello, diplomi di concertismo presso l’Accademia “S. Cecilia” di Portogruaro e l’Accademia “Incontri col Maestro” di Imola. Il cartellone di aprile dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine” è stato, come di consueto, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.

 

Studiare in ItaliaWelcomeArdissErasmus+