NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

18 aprile 2017

I giovani chitarristi del “Tomadini” costantemente ai vertici dei concorsi di esecuzione musicale

Gli studenti di chitarra del prof. Stefano Viola presso il Conservatorio di Udine si posizionano da sempre ai vertici dei più prestigiosi concorsi chitarristici nazionali e internazionali; le più note e selettive competizioni recentemente svoltesi in Italia e Slovenia hanno confermato il valore, ampiamente riconosciuto a livello mondiale, della classe udinese. Fabio Corsi ha conseguito il primo premio nella cat. E (senza limiti di età) nel corso della ventitreesima edizione del Concorso Chitarristico Nazionale “Giulio Rospigliosi” di Lamporecchio (PT) e il secondo premio al Concorso Chitarristico Internazionale “Alvaro Mantovani” di Follonica (GR), misurandosi con pluripremiati conocorrenti provenienti da Italia, Romania, Ukraina, Stati Uniti, Giappone, Francia, Paraguay, Spagna e Messico. Nina Havelková ha parimenti conseguito l’ambìto primo premio della categoria H (fino a 23 anni) in occasione della nona edizione del Concorso Musicale Internazionale “SVIREL” in Slovenia, mentre il duo flauto-chitarra formato da Giorgia Poti e Marco Di Lena ha ottenuto il terzo premio, nella categoria dedicata alla musica da camera senza limiti di età, nel corso della nona edizione del Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Giovani musicisti” Città di Treviso.

8 aprile 2017

“Competenze e prospettive del musicista moderno”, un seminario in programma martedì prossimo al “Tomadini”

Avrà inizio alle ore 11 di martedì prossimo, 11 aprile, nella sede del Conservatorio di Udine, un appuntamento inconsueto e di stimolante attualità nell’ambito della programmazione culturale e artistica del “Tomadini”, un seminario dedicato a “Competenze e prospettive del musicista moderno”, volto a fornire una completa panoramica di informazioni utili alla progettazione di una carriera artistica, alla strutturazione dell’attività e alla comunicazione attraverso i Media, il Web e i Social. I sei illustri ospiti convenuti proporranno relazioni dedicate alla loro esperienza di specialisti in diritto del lavoro, docenti, musicisti, musicologi, critici musicali, ideatori e coordinatori di eventi culturali: Giuseppe Casale (Musica, diritti e lavoro in Europa), Virginio Zoccatelli (Le accademie oggi tra formazione e mercato del lavoro), Domenico Balzani (Il musicista manager di se stesso), Franco Calabretto (La programmazione artistica), Antonio Tasca (Dal palcoscenico al management) e Alessio Screm (Comunicare e promuovere: mezzi e strategie). Il seminario è inserito nel cartellone di aprile dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.

 

4 aprile 2017

Presentazione del volume Le percussioni di Guido Facchin e concerto venerdì al “Tomadini”

Venerdì prossimo, 7 aprile alle ore 18, la sede del Conservatorio di Udine ospiterà un evento d’eccezione, la presentazione, a cura dei docenti di strumenti a percussione presso i Conservatori di Venezia e Udine Annunziata Dellisanti e Roberto Barbieri, del volume di Guido Facchin Le percussioni, pubblicato per i tipi di Zecchini Editore e recente oggetto di lusinghiere recensioni su autorevoli periodici di cultura musicale. Un libro in cui l’autore, per quasi trent'anni primo percussionista dell’Orchestra del Teatro La Fenice e per venticinque docente di strumenti a percussione al Conservatorio di Vicenza, si propone di guidare, attraverso ogni secolo e latitudine geografica, il lettore professionista, lo studioso o il semplice appassionato, alla scoperta e alla conoscenza delle percussioni non solo nella tradizione colta occidentale ma anche in quella etnica, fino ai generi musicali più recenti quali il Jazz e il Rock, inserendo anche informazioni riguardanti l’origine di alcuni strumenti scarsamente conosciuti. L’incontro prevede due interventi musicali, il primo dei quali proposto dal “Duo Avalokiteshvara” formato da Guido Facchin (percussione) e Patrizia Boniolo (arpa), interpreti delle composizioni di Guido Facchin « Zeus» e «Poseidon» dalla Suite The Planets e «Fu Do Chi» dalla Suite Wu Shih per arpa e percussione e di tre pagine di Lou Harrison, «Jahla» e «Avalokitesvara» da Suite per arpa percussione e «Sonata» da Serenade per chitarra e percussione opzionale. Il secondo intervento musicale, dedicato alla rilettura di pagine di Johann Sebastian Bach alla marimba, sarà proposto da tre studenti della classe del prof. Roberto Barbieri, Fabio De Cecco, Felice Di Paolo e Francesco Tirelli, interpreti di «Preludio» e «Corrente» da Suite in sol maggiore BWV 1007, Invenzione a due voci in re minore BWV 775 e Invenzione a tre voci in do minore BWV 788. La conferenza-concerto è il secondo appuntamento del cartellone di aprile dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine” realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.