NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

11 ottobre 2017

Concerto cameristico del ciclo “America!” lunedì prossimo al Conservatorio di Udine

“America!”, tema culturale di riferimento dell’anno accademico che volge al termine, prosegue nel suo fitto calendario di appuntamenti previsti per il mese in corso. Lunedì prossimo 16 ottobre alle ore 20.30 in Sala Vivaldi sarà la volta di un coinvolgente progetto cameristico dedicato a due autori poco noti ed eseguiti in Europa, Amy Beach (1867-1944) e Paul Schoenfield (1947). Apriranno il concerto  Nicola Bulfone (clarinetto), Andrea Scaramella (violino) e Franca Bertoli (pianoforte), interpreti dell’eclettico Trio (1986) di Paul Schoenfield, attivo compositore e docente presso l’University of Michigan, autore nel 1986 di una pagina articolata in quattro movimenti (1. Freylakh, 2. March, 3. Nigum, 4. Kozatske) nella quale fonde abilmente procedimenti colti di diversa estrazione con il Jazz, la Popular Music e il genere Klezmer. Concluderà la serata l’assieme strumentale formato da Giuliano Fontanella e Alessio Venier (violini), Andrea Scaramella (viola), Carlo Teodoro (violoncello) e Franca Bertoli (pianoforte),  esecutori del Quintetto in fa diesis minore op. 67 di Amy Beach, bambina prodigio, concertista e autrice di un vasto corpus di opere sinfoniche, corali, cameristiche e solistiche. L’evento è parte del cartellone “Concerti e Conferenze” del Conservatorio di Udine, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli e Comune di Udine.

 

9 ottobre 2017

Conferenza del compositore statunitense Zack Browning giovedì al “Tomadini”

Evento straordinario nell’ambito della programmazione concertistica mensile del Conservatorio di Udine, giovedì prossimo 12 ottobre a partire dalle ore 11 il compositore e docente statunitense Zack Browning sarà ospite del “Tomadini” per una conferenza dal titolo “La composizione musicale nelle univeristà americane”. L’incontro, articolato in due sessioni di due ore ciascuna programmate per le ore 11 e le ore 15, rientra nel tema culturale conduttore dell’anno accademico in corso dedicato alla musica americana e sarà incentrato da Zack Browning sull’approfondimento delle proprie tecniche compositive e delle loro connessioni con le scienze matematiche, rappresentando al contempo uno sguardo illuminante sul ruolo e i luoghi d’elezione e ricezione della musica contemporanea negli Stati Uniti. Zack Browning, nato nel 1953, è attualmente professore emerito di composizione presso l’Università dell’Illinois e direttore del “Salvatore Martirano Composition Arward”; laureato presso la Florida State University, si è perfezionato con Krzystof Penderecki e John Boda.

6 ottobre 2017

Alberto Gaspardo del Conservatorio di Udine vince il prestigioso Premio Nazionale delle Arti Sezione “Organo”

Si sono conclusi in mattinata i lavori della fase finale della XII edizione del Premio Nazionale delle Arti Sezione “Organo”, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che il Conservatorio di Udine ha avuto per la prima volta il privilegio di ospitare. La prestigiosa giuria presieduta da Ludger Lohmann, responsabile della sezione superiore di studi organistici presso la Hochschule für Musik di Stoccarda, formata da Francesco Di Lernia, direttore del Conservatorio “U. Giordano” di Foggia e da Ruggero Livieri, docente di Organo al Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo e coordinata dal docente udinese Beppino Delle Vedove, ha premiato, sui cinque finalisti provenienti dai Conservatori di Como, Cosenza, Genova, Udine e Venezia, il candidato di Udine, Alberto Gaspardo, allievo al “Tomadini” del prof. Luca Antoniotti. Il Conservatorio di Udine conclude in tal modo la prestigiosa manifestazione culturale con un doppio traguardo, confermando il valore della sua lunga e fiorente tradizione didattica e il secolare prestigio della cultura organistica e organaria friulana.