Association Européenne des Conservatoires

NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

I Quaderni del Conservatorio

 

 

Maratona L. v. Beethoven

Testi di R. Calabretto, P. Troncon, G. Volpi, E. Torselli

 

 Gli atti di un convegno beethoveniano vengono presentati all'interno di un progetto nato in collaborazione con il Teatro Giovanni da Udine. Il convegno termina con un'intera giornata musicale dedicata al Maestro di Bonn.

Testi: L. van Beethoven nel nostro tempo - Luoghi beethoveniani nel cinema - Spunti per un'analisi delle sinfonie di Beethoven - Ragione e Passione. L'Europa di Beethoven dall'Illuminismo all'invenzione della Nazione - Fidelio sempre.

Quaderni del Conservatorio, n. 1 - LithoStampa, 2004


 

Andrea Zanzotto tra musica, cinema e poesia

A cura di Roberto Calabretto

 

La straordinaria musicalità dei versi di Andrea Zanzotto è tale da non poter sopportare alcuna forma di commento sonoro: sarà forse per questo che la sua produzione non ha particolarmente ispirato il gesto compositivo dei maestri del Novecento, al contrario di tanti altri poeti del secolo scorso le cui opere hanno avuto molte ‘rivisitazioni’ musicali. Pochi hanno tentato l’impresa di mettere in musica i suoi versi, cercando di cogliere quell’alone «dove i suoni possono dialogare con le parole per portare alla mente, al cuore, quello che la poesia dice ma non dice del tutto». In questo volume sono raccolti gli interventi di musicisti che hanno dialogato con la poesia di Zanzotto e di studiosi che hanno unito il nome di Zanzotto al cinema di Federico Fellini, a quel «gran circo pieno di sorprese e di inciampi vitali».

Quaderni del Conservatorio, n. 2 - Forum Editrice Universitaria Udinese, 2005


 

Arti e società in Friuli al tempo di Bartolomeo Cordans

A cura di Maurizio D’Arcano Grattoni

 

Il compositore Bartolomeo Cordans (Venezia, 1698 - Udine, 1757) fu senza dubbio la figura più significativa della musica friulana del Settecento e operò come maestro di cappella nel duomo udinese per oltre un ventennio, dal 1735 alla morte. Anni intensamente creativi durante i quali l’istituzione da lui diretta visse uno dei suoi periodi più ricchi e vitali. Il volume, oltre a puntualizzare numerosi aspetti biografici del musicista e a fornirne un approfondito inquadramento critico, illumina alcuni momenti – in parte del tutto inediti, in parte fino ad ora scarsamente indagati – della società friulana del tempo, che si mostra particolarmente vivace e aggiornata e capace di usufruire dei notevoli stimoli culturali e artistici provenienti dalla Dominante, senza peraltro dimenticare i possibili apporti delle vicine realtà oltralpine.

Quaderni del Conservatorio, n. 3 - Forum Editrice Universitaria Udinese, 2007

Studiare in ItaliaWelcomeArdissErasmus+